Site menu:

Site search

Categorie

Archivi

Tag

Iscriviti al blog tramite e-mail

Hey tu, sei un feticista di Stimu:lable?
Hai in cameretta un poster di MC a torso nudo?
La tua vita è più grigia delle nostre?
L'alitosi ti ha reso solitario?
Ma allora inserisci senza indugio il tuo indirizzo e-mail qui sotto e iscriviti a Stimu:lable per ricevere via e-mail le notifiche dei nuovi post e...ai primi 10 iscritti, un originale ciuffo di barba di MC!!

Guerrilla gardening

 

Guerrilla gardening si chiama.

Il gruppo bolognese dei giardinieri d’assalto, invece, si chiama “Terre di Nettuno“.

Nella foto sotto, il manifesto lasciato dai guerriglieri bolognesi dopo un’azione di “semina” nell’aiuola alle spalle del monumento eretto ai partigiani caduti nella famigerata “Battaglia di Porta Lame”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il 4 novembre è stato preso come data simbolica per la prima giornata nazionale del Guerrilla gardening italiano.

Dal loro sito italiano di riferimento, i guerriglieri verdi, si definiscono così:

Guerrilla Gardening è un gruppo aperto a tutti, un gruppo di appassionati del verde che ha deciso di interagire positivamente con lo spazio urbano attraverso piccoli atti dimostrativi, quelli che noi chiamiamo “attacchi” verdi. Guerrilla Gardening si oppone attivamente al degrado urbano agendo contro l’incuria delle aree verdi. L’attività principale del gruppo è quella di rimodellare ed abbellire, con piante e fiori, le aiuole e le zone dimesse o dimenticate della città. Il movimento è nato in Italia circa 2-3 anni fa da un gruppo di giovani milanesi che ancora oggi segue e consiglia i gruppi indipendenti. La popolazione cittadina risponde bene, alcune aziende di giardinaggio ci aiutano con consigli e donandoci piante e materiali pro-causa, altri si limitano ad applaudire e ad apprezzare le nostre azioni.

 

QUI scarichi anche il loro manifesto.

Ora..io non so se in un momento politicamente “critico” come è questo sia il caso di riconsiderare un po’ di cose e di cercare di unire in qualche modo il “movimento di chi non ci sta e non ci vuole stare”, per cercare di agire con azioni politiche più direttamente connesse al benessere dei cittadini; di certo, credo che quello che fanno i guerriglieri verdi sia una piccola ma splendida cosa.

Sono indipendenti, hanno obiettivi relativamente semplici..ma quello che si impongono di fare lo fanno. E ci mettono la faccia!

A me sembra un’ottima cosa.

Sostienila anche tu.

Daffy

 

Comments

Comment from elisatron
Time 01/11/2011 at 16:51

meravigliosi giardinieri guerriglieri! a smogville ho partecipato a critical mass guerrilla garden fantastiche. tutti a piantare semini, col guerrilla gardener che crava aiuolette a forma di cuore… poesia pura!

Comment from elisatron
Time 01/11/2011 at 16:53

“crava” sta per creava. qui articolo in cui si vede il mio giardiniere guerrigliero preferito: gira per milano con un carretto pieno di fiori e guantini-fascette colorate sulle braccia… http://www.urbanmagazine.it/showPage.php?template=articolo&id=346

Comment from elisatron
Time 01/11/2011 at 16:58

qui il blog http://landgrab.noblogs.org/
ok ora basta :)))

Comment from Daffy
Time 01/11/2011 at 18:35

Porca miseria! Sei sempre sei o sette passi più avanti di tutti.
Elisatron, “the urban guru”.

Write a comment