Site menu:

Site search

Categorie

Archivi

Tag

Iscriviti al blog tramite e-mail

Hey tu, sei un feticista di Stimu:lable?
Hai in cameretta un poster di MC a torso nudo?
La tua vita è più grigia delle nostre?
L'alitosi ti ha reso solitario?
Ma allora inserisci senza indugio il tuo indirizzo e-mail qui sotto e iscriviti a Stimu:lable per ricevere via e-mail le notifiche dei nuovi post e...ai primi 10 iscritti, un originale ciuffo di barba di MC!!

I capelli fanno musica

Che poi penso che debba anche essere difficile fare la commessa.

Avere a che fare con il pubblico, sapendo che in mezzo a quel pubblico c’è anche chi subisce il “fascino indiscreto della commessa”.

Che forse ha ragione Luca, che per chi sta dall’altro lato ed è colto dal morbo  del “fascino da commessa” è poi anche vero che “..vivono a mezze giornate..”.

Quest’anno la primavera ci ha illuso eh, prima è arrivata poi se ne è andata.

Guardo le facce delle persone a passeggio e si capisce che non ce li hanno ancora i “cuori caldi”.

Se penso a quanti cazzo di quotidiani e incredibili settimanali, riviste specializzate in cose in cui io non son specializzato,  quanti strani aggeggi da montare in 420 comode uscite ti ho comprato…sono arrivato anche a dirti che anche a me piaceva Rob Brezsny, lo facevo per fermarmi a leggere l’oroscopo con te…Non ti ho mai detto che se fossi Dio, il buon Rob sarebbe uno dei primi che fulminerei!

Subivo il “fascino da commessa”, come solo “l’uomo medio” sa subire.

Adesso tu non la fai più la commessa lì dentro, fai altro. Così io acquisto meno cose inutili e meno quotidiani. Poi oggi, intanto che controllavo se le facce della folla avessero o meno  i cuori già caldi, mi hai fermato per strada con quell’energia noiosa dei cani piccoli che ti fanno le feste, dicendomi che mi dovevi un caffè e che eri di fretta, ma che sabato prossimo “Perchè non mi vieni a trovare..” , ho capito che le gambe mica mi tremavano più come le altre volte, che se mi vieni a cercare tu mica mi piace come prima, che io son come la primavera, oggi c’è il sole ma domani piove.

Quel caffè non credo che verrò a prenderlo.

Però è primavera, tutto è mutevole e io non riesco ad avere più di 16 anni.

Allora ascolto l’esordio di tre ragazzotti che si fanno chiamare “I capelli”…The Hairs.

Indie pop, così rustico, così lo-fi…ma dentro c’è tutta la contraddizione e l’energia della primavera…quasi un disco “Twee”…brani cortissimi, fatti in casa, semplicissimi e umorali.

C’è voluto un po’ ad avvicinarmi al trio di Brooklyn, che i gruppi che si chiamano “The…qualcosa”, mi irritano tremendamente…che non lo sopporto più questo articolo davanti al nome…che se fossero italiani sembrerebbero tutti gruppi anni ’60.

Poi però, la voglia di primavera mi ci ha fatto avvicinare.

Non è un album quello che trovi QUI, solo un insieme di alcune canzoncine registrate male…però è primavera maledizione! Ci vuole per tutti un’iniezione di sano TweePop!

Allora vaffanculo, meglio The Hairs! Meglio le stonature, meglio “l’umore alternato”.

Stay tuned.

Daffy

 

Comments

Comment from elisatron
Time 30/04/2011 at 22:12

daffy rebel, tu non devi mai farti tremare le gambe, capitotron? e poi si sa che i caffè con i cagnetti rognosi nn son memorabili. hi hi hi
ora mi ascolto i capelli, mentre cerco di lavorar, distraendomi…

Comment from Daffy
Time 01/05/2011 at 12:33

Oddio!!!!! Ma…vuoi dire che si capiva che parlavo di me?!?!?!?

😀

Write a comment